BRIAN AYRES


Vai ai contenuti

VIDEO

Ua serie di “workshops” per creare una rappresentazione o un film/ DVD di ciò che si è prodotto.
Gli studenti, o bambini, verranno incoraggiati, con attività coinvolgenti, a lavorare in gruppo per creare delle scenette;saranno invitati a presentarsi ai compagni, a lavorare per rendere chiare le caratteristiche e le funzioni dei personaggi e delle azioni che rappresenteranno, a scegliere il linguaggio appropriato, a usare opportunamente lo spazio e a creare la giusta atmosfera usando lingua, suoni, musica e altri mezzi a loro disposizione. Le scene da loro create verranno filmate in modo da renderli consapevoli delle più elementari tecniche filmiche/ di videoregistrazione, aiutarli ad abituarsi a “recitare” davanti alla telecamera e divertirsi a fare ciò che ogni giorno vedono fare in TV, nei films, videogiochi, ecc….. Questa volta saranno loro i protagonisti!!!!


Divertendosi impareranno, oltre alla lingua, anche i rudimenti dell’arte cinematografica


Conseguentemente potranno capire molto meglio ciò che stanno vedendo mentre guardano la TV, films, pubblicità: acquisiranno almeno gli strumenti di base atti a comprendere non solo quali processi, scelte e mezzi vengono usati per coinvolgere lo spettatore, ma anche l’elemento “virtuale”/ “non-reale” di ciò che viene loro offerto.
In questo contesto l’inglese diventa, chiaramente, un ulteriore mezzo di comunicazione e non solo una materia scolastica.

POSSIBILI ALTERNATIVE:
Un corso: 10 incontri in cui si creano una serie di scenette, una storia, una rappresentazione, poesie, canzoni, che vengono poi filmate.ore: due incontri di due ore l’uno. Nel primo incontro si imposta il lavoro di base ( testi, metodo ecc….) nell’intervallo fra il primo e il secondo, un periodo concordato di circa uno-due mesi, gli studenti rivedono e provano con l’insegnante le scene create nel primo incontro. Nel secondo incontro si filma il lavoro prodotto. Esso verrà poi montato e ogni classe avrà la sua copia. ( in questo modo si è lavorato su Shakespeare o su scene e situazioni create dagli studenti).breve ma intensa giornata o (a scelta) due giornate, in cui gli studenti creano e filmano scene. Alla fine si sarà prodotto un breve film che verrà montato e consegnato all’insegnante sotto forma di DVD.

Esempi:
Scuola Elementare
-La creazione di una storia con i bambini. La storia viene poi divisa e ciascun alunno ne apprende una parte e la racconta davanti la telecamera. La storia può diventare un libro.
- La creazione e la rappresentazione di un pezzo teatrale, più o meno sofisticato, a seconda dell’età dei bambini e delle caratteristiche della classe. La rappresentazione viene filmata.
- La creazione e la rappresentazione di brevi scene che vengono filmate.
Scuola Media: un corso di 10 ore in cui si crea una serie di scene che vengono filmate
Scuola Superiore: un corso che termina con la videoregistrazione di una serie di scene o con la rappresentazione teatrale di un breve spettacolo creato dagli studenti.



Torna ai contenuti | Torna al menu